top of page
  • Immagine del redattoreMassimo Catalucci

CONFERENCE LEAGUE - AZ ALKMAAR-LAZIO 2-1. BIANCOCELESTI FUORI...MERITATAMENTE

I biancocelesti giocano una gara incolore, mentre gli olandesi dell'AZ Alkmaar mettono grinta, pressing alto e cercano la via del gol più volte, colpendo anche tre pali



- articolo di Massimo Catalucci


Alkmaar (Olanda), 17 marzo 2023 - Gara incolore dei biancocelesti, mentre i ragazzi di Mister Jansen, tanti giovanissimi, mettono grinta, pressing alto e cercano la via del gol più volte nel corso del Match. Meritato il passaggio del turno da parte degli olandesi che nelle due sfide di andata e ritorno, hanno legittimato la loro superiorità rispetto ai capitolini.


Le gare non si vincono sulla carta o guardandosi allo specchio affermando di essere tecnicamente più forti. Le partite si vincono con l'umiltà, la determinazione, la tecnica e soprattutto con la voglia di non mollare di un millimetro in mezzo al campo. Caratteristiche che sono mancate alla Lazio ma che sono state ben interpretate dall'AZ Alkmaar che avrebbe potuto terminare la gara con uno score più ampio a proprio vantaggio, se i tre legni colpiti non avessero negato il gol ai suoi giocatori.


Ed ora, l'eliminazione dalla Conference League, a tre giorni dalla stracittadina, potrebbe avere ripercussioni negative sui biancocelesti.


E' vero che la Lazio in Campionato ha un rendimento diverso. Se pensiamo ad esempio che nelle due gare disputate contro l'AZ Alkmaar ha rimediato 4 gol (media di due a partita) e che in tutto il campionato, fino alla 26a giornata, la media dei gol subiti è di 0,73 a partita, si può constatare che l'attenzione nella massima competizione nazionale di calcio, da parte dei ragazzi di Mister Sarri è ben maggiore, rispetto a quella prestata nella competizione europea.


Ma come si sa, i risultati fanno morale e arrivare a giocare il derby essendo usciti dalla Conference Legue, mentre la Roma va avanti in Europa League, potrebbe intaccare l'aspetto psicoemotivo dei biancocelesti in previsione di questa importante gara; oppure, cosa che si augurano tutti i tifosi laziali, potrebbe rappresentare un maggior richiamo alla concentrazione dei ragazzi di Mister Sarri, in quella che non è solo una gara di campionato ma un match che, in primo luogo determina la supremazia cittadina per chi lo vince, così come diventa un trampolino di lancio per le zone alte della classifica di "Serie A", per chi se lo dovesse aggiudicare.


Sarà, comunque, uno scontro diretto dove i biancocelesti dovranno essere molto attenti e giocare da Lazio, come sanno fare e come abbiamo visto fare in diverse occasioni delle gare di campionato, soprattutto, quando ha affrontato squadre che cercano un piazzamento in classifica utile per partecipare alla prossima competizione europea di Champions League, si vedano Atalanta, Roma, Milan, Inter, Napoli.


La Lazio domenica avrà dalla sua parte il maggior numero di tifosi che siederanno sugli spalti dello stadio Olimpico, visto che il turno prevede che i biancocelesti giocheranno in casa e dovrà sfruttare questa ulteriore spinta che gli arriverà dai propri tifosi che, siamo sicuri, ci stupiranno ancora con le loro "opere d'arte" scenografiche che dispiegheranno ancora una volta in curva nord e, soprattutto, tifosi che non faranno mancare il loro calore e il loro supporto nell'incitare i propri beniamini a dare il massimo.


In fini dei conti, al tifoso laziale, quello che preme veramente, al di là del risultato che è, certamente, importante, è vedere chi scende in campo dare tutto per quella maglia storica biancoceleste della prima squadra della Capitale: la S.S. Lazio, nata agli inizi del 1900.


Archiviata la pratica europea 2022/2023, si è entrati di fatto nel clima pre-derby.


Le dichiarazioni degli allenatori nel post-gara


JANSEN - "È stato speciale, ma ora pensiamo al Twente. Stasera siamo stati più forti. Faccio i complimenti ai ragazzi, abbiamo reagito bene dopo il gol subito. Abbiamo fatto correre molto la Lazio, è il frutto del lavoro di tutta la squadra. Ora vediamo chi ci capiterà nel prossimo turno, se abbiamo battuto la Lazio possiamo superare chiunque".


SARRI - "Può darsi che loro siano più forti di noi. Oggi avevano più energie, vigore ed aggressività. Noi siamo usciti sull'1-1 dalla partita, come se abbiamo smesso di crederci. Incomprensibile, mancavano 55 minuti e con un gol saremmo andati ai supplementari. La sensazione che ho avuto che la squadra abbia perso le speranze di passare il turno."


"Erano preventivati, si trattava di calciatori che hanno accumulato minuti negli ultimi mesi. Era difficile pensare di fargli fare 120 minuti, c'era la possibilità dei supplementari, la gara era 1-1, si voleva correre il rischio di fargli giocare 120 minuti. Era solo per quello. Tutto l'ambiente ha meno energie nei confronti delle coppe, soprattutto della Conference. Giochiamo stadi pieni, da noi no. L'interesse per la coppa è minore, la responsabilità è nostra, però sentiamo le vibrazioni dell'ambiente."


"Non è una giustificazione, strutturalmente forse ancora non siamo forse pronti per l'Europa. Io dopo la prima mezzora, dopo il pareggio, penso che la squadra ha smesso di crederci. Allora si va giù di energie. All'inizio avevo la sensazione che potessimo starci dentro fino alla fine. Sensazione che si è spenta a inizio secondo tempo. Stiamo parlando di giocatori che stanno giocando tanto, si perde brillantezza. Se la perde un difensore non se ne accorge nessuno, se la perde un attaccante se ne accorgono tutti".


"Dobbiamo arrivare alla prossima con un'energia nettamente diversa. Se non è possobile dal punto di vista fisico, va fatto dal punto di vista nervoso e mentale, non possiamo affrontare il derby come stasera. Vediamo se in 2 giorni si riesce a ricaricare le energie positive per esprimerci in modo diverso".


Il tabellino della gara


Marcatore: 21° Felipe Anderson (L) 28° Karlsson (A), 62° Pavlidis (A)


AZ ALKMAAR (4-3-3): Ryan; Sugawara, Goes (86° Beukema), Hatzidiakos, Kerkez; Clasie, Mijnans, Reijnders; Odgaard (86° Lahdo), Pavlidis, Karlsson (86° van Brederode).

A disp.: Verhulst, Owusu-Oduro, Yusuf Barasi, Lahdo, Vanheusden, Buurmeester, de Jong, M. de Wit, Meerdink.

All.: Pascal Jansen


LAZIO (4-3-3): Provedel; Marusic, Gila, Romagnoli (58° Casale), Pellegrini (69° Lazzari); Milinkovic (58° Luis Alberto), Vecino, Basic; Cancellieri, Felipe Anderson (78° Romero), Zaccagni (58° Pedro).

A disp.: Maximiano, Magro, Patric, Floriani M., Cataldi, Marcos Antonio, Bertini.

All.: Maurizio Sarri


Arbitro: Matej Jug (SVN)

Assistenti di linea: Matej Žunič (SVN) – Manuel Vidali (SVN)

IV Uomo: Asmir Sagrković (SVN)

V.A.R.: Rade Obrenovič (SVN)

A.V.A.R.: Nejc Kajtazovic (SVN)

Ammoniti: 2° Kerkez (A), 42° Vecino (L), 48° Pellegrini (L)

Recupero: 1' pt, 3' st.



ELENCO ARTICOLI LAZIO ANNO 2022-2023

=======================================================

Nell'elenco che segue trovate tutti gli articoli a firma di Massimo Catalucci, della stagione calcistica 2022/2023 della S.S. Lazio – Cliccare sul link del “Titolo” che interessa per leggere l’articolo collegato.



Comments


bottom of page