top of page
  • Immagine del redattoreMassimo Catalucci

COPPA ITALIA. JUVE LAZIO, DENTRO O FUORI

Dopo la gara in casa contro la Fiorentina domenica scorsa, Sarri afferma: "La gestisco in base alla stanchezza dei giocatori"



- articolo di Massimo Catalucci


Torino, 2 febbraio 2023 - Juve e Lazio arrivano con stati d'animo diversi a questa gara di coppa Italia, dove chi vince se la vedrà in semifinale con l'Inter.


La Juve, dopo la sconfitta in casa subita contro il Monza, i 15 punti di penalizzazione in campionato che peseranno nella alla conquista di una sua possibile qualificazione alle competizioni europee del prossimo anno, vorrà a tutti i costi puntare a vincere la Coppa Italia per assicurarsi, almeno, il diritto di partecipare all'Europa League.


Quindi, sarà dura stasera per i biancocelesti che, molto probabilmente, verranno aggrediti, in termini di determinazione e di pressing alto, sin dall'inizio della gara dai giocatori bianconeri che vorranno imporre il loro gioco "tenendo in mano" il pallino del match e dettando i ritmi della partita.


La Lazio dal canto suo ha tutte le carte in regola per sopportare gli attacchi degli avversari, la difesa fin qui ha dimostrato solidità ma quello che potrebbe succedere (speriamo di no), in termini negativi, è la flessione mentale, il calo di concentrazione, che in questo scorcio di campionato, ha fatto brutti scherzi ai ragazzi di Mister Sarri, facendogli perdere punti preziosi e soprattutto, contro squadre che erano largamente alla portata della Lazio.


Intanto, questa sera Mister Sarri dovrebbe riproporre Ciro Immobile al centro dell'attacco biancoceleste con Felipe Anderson a destra e Zaccagni a sinistra. In difesa Provedel sembra sempre in vantaggio rispetto a Maximiano ma sulla linea difensiva a quattro, ci potrebbero essere degli avvicendamenti con Patric al posto di Casale e/o forse Lazzari al posto di Hysaj anche se è molto probabile che l'allenatore laziale riproponga la difesa di domenica scorsa che ha fatto bene con la Fiorentina e ancora meglio nella gara precedente contro il Milan.


Difesa che ora ha un'altra pedina importante da giocarsi, ci riferiamo a Luca Pellegrini, arrivato in forza nella squadra biancoceleste in questa finestra di calciomercato invernale e in stile lotitiano, in extremis, alla chiusura delle trattative.

Per il resto il centrocampo dovrebbe presentare Cataldi al centro e ai suoi lati Milinkovic-Savic a destra e Luis Alberto a sinistra.


Le dichiarazioni degli allenatori nel pre-gara


ALLEGRI - “I giocatori erano dispiaciuti, ma domani [oggi - NDR] è la Coppa Italia, è un’altra competizione. Da lunedì parleremo di nuovo del campionato. Dobbiamo concentrarci sulla partita di domani [oggi - NDR], contro una squadra che sta facendo ottime cose in campionato. Sarà una partita secca. Per quanto riguarda chi ha giocato tanto no. Siamo partiti, è un altro campionato iniziato il 4 gennaio. Abbiamo fatto poche partite”.


“Per domani [oggi - NDR] non ho ancora deciso niente, la formazione la deciderò domani mattina [oggi - NDR]. A parte Bonucci che è ancora fuori, l’unico che non sarà disponibile perché ha un indolenzimento ai flessori è Pogba. Purtroppo, quando un giocatore rimani tanti mesi in inattività vengono fuori dolori e c’è bisogno di tempo. Se ci riferiamo a domenica, tutti han fatto una brutta prestazione nel primo tempo. Nel secondo c’è stata una reazione, ma ciò che conta è vincere le partite e noi non lo abbiamo fatto. Paredes ha alternato buone partite a partite meno buone, questi 4 mesi sono importanti perché ci deve dare una mano”.


Vlahovic quasi sicuramente giocherà, gli altri devo valutare e decidere perché è una partita che può finire nei 120′. Le sostituzioni saranno molto più importanti, poi domattina deciderò dopo la rifinitura. La soluzione Chiesa-Di Maria-Vlahovic davanti, o la punta davanti, l’avevo in mente dall’nizio. Poi le vicissitudini nel calcio: Pogba che sta fuori, Di Maria, Vlahovic… La squadra ha trovato un assetto diverso. Ci vuole pazienza”.


“Paul ha fatto una bella partita in allenamento, però il motore si deve riassestare e ci vuole tempo. Magari fra due o tre mesi sarà in condizioni ottimali. La squadra deve mantenere un equilibrio che nelle ultime partite non abbiamo avuto. Inutile parlare di cose oggettive. La Juve ha fatto un buon mercato, perché ha centrato gli obiettivi. McKennie voleva uscire, Aké ha trovato una buona soluzione, Zuelli è andato a Pisa e Pellegrini alla Lazio. Inutile guardar il calcio italiano col calcio inglese: è rapporto uno a quattro”.


“Dobbiamo essere bravi perché ai 15 punti ci penserà la società a difenderci. Normale che sia stato un contraccolpo, ma non deve essere un alibi. Dobbiamo andare in campo ed essere bravi. Poi credo sia la prima volta che vengono tolti 15 punti in questa fase del campionato. Il nostro obiettivo ora è riprendere piano piano, un passettino alla volta. Domani [oggi - NDR] è la Coppa Italia ed è differente”.


Cuadrado? È in grande forma, è rientrato e sta bene. Dopo la scossa ci vuole un po’ di riassestamento come in tutte le cose. Dobbiamo essere bravi a farlo velocemente. Ora abbiamo mini obiettivi: siamo 13esimi in campionato e dobbiamo raggiungere chi sta davanti. Bremer? Col Monza no, è stato in generale. Sono momenti, dobbiamo solo fare, lavorare e reagire. Non possiamo attaccarci a niente”.


“Mi aspetto un contributo da Pogba che praticamente da aprile ha fatto 15 giorni di preparazione con la Juventus, 45 minuti e poi si è fermato. I miracoli non li fa nessuno, bisogna che il suo corpo e il suo ginocchio si adattino. Bisogna navigare a vista su queste situazioni, sapendo che da qui alla fine dobbiamo sfruttarlo il meglio possibile”.


SARRI - "La gestisco in base alla stanchezza dei giocatori, vediamo come ne usciamo da oggi, qualcuno è uscito stanco si vedeva palesemente che lo era, facciamo delle valutazioni mercoledì e poi vediamo.


"Per Immobile vediamo. Mi sembra sia entrato in maniera discreta - riferito alla gara contro la Fiorentina in campionato domenica scorsa - me lo aspettavo più in difficoltà. Ha tirato tre volte ed è andato vicino al gol".

Le probabili formazioni


Juventus (3-5-2): Szczesny; Danilo, Bremer, Alex Sandro; Chiesa, Locatelli, Fagioli, Rabiot, Kostic; Di Maria, Kean.


All.: Allegri


Lazio (4-3-3): Provedel; Lazzari, Casale, Romagnoli, Marusic; Luis Alberto, Cataldi, Milinkovic-Savic; Felipe Anderson, Immobile, Zaccagni.


All.: Sarri


La squadra arbitrale, VAR e AVAR


Arbitro: Maresca

Assistenti di linea: Carbone - Preti

IV Uomo: Feliciani

V.A.R.: Di Paolo

A.V.A.R.: Di Martino



Dove seguire la diretta TV e in Streaming


La partita fra Juventus e Lazio sarà trasmessa in chiaro su Mediaset. Il quarto di finale sarà visibile su canale 5. Il match fra bianconeri e biancocelestii sarà visibile gratuitamente anche in streaming tramite Mediaset Infinity, sia collegandosi al sito che scaricando l’app su dispostivi mobili.



=======================================================


Nella tabella che segue trovate tutti gli articoli a firma di Massimo Catalucci, della stagione calcistica 2022/2023 della S.S. Lazio – Cliccare sul link del “Titolo” che interessa per leggere l’articolo collegato.
























































Commenti


bottom of page