top of page
  • Immagine del redattoreMassimo Catalucci

ECCO LA POLITICA DELL'ODIO E DELLE "PERSECUZIONI" DEGLI ANARCHICI...

Le foto del Premier Meloni e del Ministro Valditara appese a testa in giù davanti al liceo Carducci di Milano



- articolo di Massimo Catalucci


Milano, 4 marzo 2023 - La cosa che contrasta nella protesta degli anarchici contro il Governo Meloni è che sul loro striscione affisso sulla recinzione del liceo Carducci di Milano, si legge, "Ma quale merito, la vostra è solo violenza" e di fianco, le immagini capovolte, "appese" a testa in sotto, volendo, neanche poi tanto celandolo, inneggiare alla fine che vorrebbero far fare al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dell'Istruzione e del Merito.


Si attendono come sempre gli interventi della sinistra da cui ci si aspetta che i propri leader prendano le distanze dalle provocazioni e invocazioni con messaggi "subliminali" (?), comparsi in varie città, non solo oggi ma in altre circostanze, per mano dei centri sociali e dei gruppi anarchici e studenteschi.


Ma sappiamo che dietro la facciata perbenista, solidale, tollerante, di tanti volti della sinistra, si nasconde la loro vera indole. Quello adottato da gran parte della sinistra è il classico atteggiamento di chi predica bene e razzola male e se a questo aggiungiamo il fatto che, il risultato schiacciante del 25 settembre e del 12/13 febbraio ultimi scorsi, hanno "proclamato", grazie al voto di chi si è recato alle urne, la vittoria netta del centrodestra con una guida al Governo di destra (fratelli d'Italia) e la prima Premier donna nella Storia politica della nostra nazione, ecco che l'odio, l'intolleranza, diventano "manie di persecuzione" da parte di chi non accetta il voto popolare, verso un Governo che sta svolgendo, in modo legittimo, il proprio ruolo e il proprio dovere ma che soprattutto è nato per volere della gente e non con inciuci di palazzo.


E purtroppo, a sinistra la mania di puntare il dito verso qualsiasi scelta mossa dal centro destra, non smette mai. Per carità è giusto che dall'opposizione facciano ciò che le compete ma che questo venga fatto senza cercare fantasmi che vedono solo loro, evidenziando una "schizofrenia politica" che rischia di non dare equilibrio alla politica stessa del Paese, aumentando, di conseguenza il caos...Come se non bastasse quello che abbiamo subito dalla fine del 2019 alla fine del 2022 e di cui ci stiamo ancora asciugando le ferite, difficili da far rimarginare.


Cercare, come fa da sempre la sinistra, quando non ha argomenti concreti su cui confrontarsi col suo avversario politico, ovvero, di stravolgere ogni qualsiasi buona intenzione di questo Governo di attuare interventi a vantaggio della collettività e/o ad esempio, come accaduto con la proposta a firma di Fratelli d'Italia di indire una "Commissione di inchiesta per gli anni di piombo" per fare luce sulle tanti morti di giovani di destra e di sinistra di un periodo infelice e triste della nostra Italia, diventano strumenti per attaccare, a prescindere, chi oggi si trova alla guida della nazione.


Ogni pretesto, quindi, è per la sinistra buono per addossare all'avversario politico l'etichetta di "fascista", di "squadrista" o per rievocare il passato attraverso la rappresentazione di "immagini" e "manichini" appesi a testa in sotto, a repertorio delle tesi inconsistenti da loro sostenute, come quelle apparse al liceo Carducci di Milano e su già descritte ed altre viste a Bologna, Firenze e altre città d'Italia.


La linea è sempre la stessa e non è che sia cambiata con l'elezione di Elly Schlein che non ha perso occasione per far capire che continuerà sulla stessa modalità di chi l'ha preceduta alla conduzione del PD.


Sarà una buona strategia questa della sinistra di perseverare su una linea politica che ha dato i suoi risultati che conosciamo tutti alle ultime politiche e alle ultime regionali?


Per chi lo avesse dimenticato, forse è utile ricordare che il centro destra oggi ha la maggioranza al Parlamento e Governa in 15 regioni d'Italia, a testimonianza che il popolo non segue più le sterili urla di chi grida "al lupo al lupo", perché ha capito che quel "lupo" frutto dell'immaginazione, ops, pardon, della schizofrenia politica della sinistra, "non c'è mai stato" e il centro destra, a trazione Fratelli d'Italia, rappresenta davvero la destra sociale e democratica di cui il Paese aveva bisogno.



Commentaires


bottom of page