top of page
  • Immagine del redattoreMassimo Catalucci

DISCARICA DI ALBANO CHIUSA DEFINITIVAMENTE DA IERI

Ad oggi ha consentito lo smaltimento di 1.100 tonnellate al giorno di rifiuti provenienti dalla Capitale



- articolo di Massimo Catalucci


Roma, 28 febbraio 2023 - La discarica di Roncigliano (Albano - RM) ha, definitivamente, chiuso le sue attività ieri, a seguito dell'esaurimento del settimo ed ultimo invaso.


La discarica di Albano ha rappresentato e purtroppo, dobbiamo sottolineare che rappresenta ancora, un forte "handicap" per chi vive nell'aera circostante, già penalizzata dalla carenza di servizi di ogni genere e dove sorgono alcuni agglomerati residenziali, quali il Villaggio Ardeatino, Montagnano e Montagnanello.


E' difficile dire agli attuali residenti che possano ora tirare un sospiro di sollievo, perché i danni all'ambiente nell'area circostante, sono stati fatti in tanti anni di "invasi" riempiti di rifiuti. Bisogna solo sperare che la bonifica di cui si parla, possa salvaguardare il territorio e garantire una maggiore salubrità di tutta l'area.


Purtroppo, i Sindaci che si sono susseguiti al Comune di Roma negli ultimi anni, con il supporto della Giunta Regionale del Lazio, hanno pensato bene di considerare la provincia quale discarica dei rifiuti della Capitale. Se si pensa che l'ultimo regalo fatto da Zingaretti prima di dimettersi dalla Presidenza della regione, è stato quello di firmare un atto autorizzativo per la costruzione di un mega biodigestore da 120.000 tonnellate l'anno da realizzare nel Comune di Civitavecchia.


La provincia di Roma ha bisogno di risorse diverse da quelle dei rifiuti; ha bisogno di risorse che salvaguardino, in primo luogo l'ambiente, già oltremodo deturpato da una "mala gestio" amministrativa locale a cui si aggiunge l'inciviltà manifestata da molte persone senza il ben minimo senso civico; ha bisogno di strade, di illuminazione, di trasporti e di altre opere di diverso genere che permettano a chi vive nei comuni intorno alla Capitale (120), di condurre una vita dignitosa.



Comments


bottom of page