top of page
  • Immagine del redattoreMassimo Catalucci

17/01/2023 - A 32 ANNI DALLA SUA SCOMPARSA, ARDEA RICORDA IL SUO MAESTRO, GIACOMO MANZU'

Cinque giornate di eventi per onorare la memoria del grande Maestro: 14/15/17/21/22 gennaio 2023 (Ardea)



- articolo di Massimo Catalucci


Ardea, 13 gennaio 2023 - A 32 anni dalla sua scomparsa (17/01/1991) Ardea si appresta a rinnovare la memoria al suo Maestro d'arte, noto in tutto il mondo, Giacomo Manzù.


Saranno cinque giornate piene di iniziative socio culturali a cui parteciperanno diversi gruppi artistici, letterari e artigianali.


Si inizierà sabato 14 gennaio alle ore 10:30, quando si aprirà l'evento con una esibizione artistica del Maestro Loris Zecchin, che nello spazio denominato "Approdo alla musica", farà vibrare magistralmente le corde del suo strumento per un concerto di chitarra classico.


Si proseguirà poi con la proiezione di una video intervista al Maestro Manzù per continuare più avanti, con una visita guidata al suo museo. La giornata andrà avanti tra esibizioni di cori, letture di testi, realizzazione di un'opera dedicata al Maestro Manzù. Infine, intorno alle 17:30 si chiuderà con uno spettacolo di danza orientale.


Domenica 15 gennaio, con inizio alle ore 10:00, l'Ecomuseo Lazio Virgiliano, ricorderà con una commemorazione civica il legame che ancora oggi unisce il Maestro ad Ardea, al suo territorio, ai cittadini, alcuni dei quali saranno presenti per ricordare, insieme a chi interverrà, i momenti che hanno avuto il piacere di trascorrere con l'uomo, l'artista, il genio, il Maestro Giaco Manzù.


Martedì 17 gennaio, verranno conferite al Museo due nuove opere, "Bambina sulla sedia" e "Grande ritratto di Signora".


Sabato 21 gennaio si tornerà a fare musica con due concerti strumentali per terminare domenica 22 gennaio, con un laboratorio artistico nel corso del quale verrà presentata la tecnica della fusione a cera persa.


Sarebbe bello se in questi cinque giorni, assistessimo al giusto omaggio per il Maestro Giacomo Manzù (22/12/1908 - 17/01/1991), onorando la sua memoria con la deposizione di una lapide al posto della tomba divelta lasciata vuota nel 2021, quando le sue spoglie furono trasferite a Colle Manzù (residenza di famiglia), nel Comune di Aprilia a poche centinaia di metri da quello che fu il suo laboratorio artistico ed oggi, un Museo, un patrimonio artistico, storico, culturale di Ardea di cui l'umanità intera può godere grazie alla generosità del Maestro Manzù.



Commentaires


bottom of page